Alabastro

Ci hanno rinchiusi nelle case

almeno quanto le erbe senesi

aggettanti dai muri

di mattoni sconnessi

Ci hanno coperti i volti pallidi

come gli dei da noi maledetti

comandanti altrove

e arrecanti la salvezza

Ci hanno convinti ci fosse la salute

entro la distanza

e la malattia contenuta

in fugaci abbracci

Ci hanno illusi di come ognuno

sarebbe divenuto migliore

per poi scannarci quando accadeva

l’esatto opposto

Ci hanno bevute le menti

spremute all’inerzia strategica

e pure i nostri cuori

restano di alabastro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...